Home » Makeup » Illuminante viso: top 2021, i migliori per INCI ed efficacia

Illuminante viso: top 2021, i migliori per INCI ed efficacia

Scovare tra tanti l’illuminante viso più adatto alla tua pelle ed al tuo colorito è un’operazione ardua ma che, una volta portata a termine, ti regalerà molte soddisfazioni. Il giusto cosmetico può infatti fare la differenza illuminando, per l’appunto, il tuo volto. Un uso sapiente di questo prodotto potrà ricreare sul viso piacevoli giochi di luci ed ombre, ridefinendo alcuni contorni e rimodellando i punti critici. Insomma: un buon illuminante viso può renderti più bella, può darti più sicurezza e, perché no, farti sembrare più giovane. Perché non approfittarne?

Prima di correre in negozio a far man bassa di illuminanti viso però sarà meglio documentarsi un po’ sull’argomento. Sai già distinguere, ad esempio, un cosmetico di qualità da un prodotto con meno pretese? Sai riconoscere un illuminante bio quando ti capita tra le mani? E quali sono gli ingredienti che definiscono un INCI di buon livello? Se a queste domande non sai rispondere niente paura: siamo qui per anche per questo. Nelle prossime righe ti sveleremo trucchi e segreti del mestiere ed in più ti daremo anche qualche consiglio pratico per gli acquisti.

Il colore giusto per un illuminante viso: pelle chiara

L’illuminante viso compie vere e proprie magie sui volti, ma perché tutto funzioni come da copione è necessario “l’aiutino da casa”. In particolare sarebbe bene che imparassi ad individuare la giusta tonalità della tua crema illuminante. L’operazione, una volta capito il meccanismo di fondo, non è mai troppo complicata.

Poniamo il caso che la tua pelle sia tendenzialmente chiara. Benissimo: sceglierai allora un cosmetico la cui gamma cromatica oscilli tra l’avorio e la crema passando ancora per l’argento. Se ti piace l’idea, potresti optare anche per prodotti che contengano delle venature perlacee o qualche riflesso color ghiaccio. Quest’ultima soluzione però si adatta soprattutto a carnagioni algide, diafane. Un buon illuminante viso farà apparire l’incarnato così un po’ meno smorto del solito, sano e vitale. Mai utilizzare invece le suddette gamme cromatiche sulle pelli più scure che darebbero l’impressione di avere un colorito pallido e malaticcio.

I colori da scegliere per una pelle media

Se il tuo colorito naturale non è né troppo chiaro né troppo scuro, orientati su un illuminante viso che oscilli tra i toni dell’oro e del dorato, oppure ancora tra quelli dell’ambra e del pesca. Evita invece le gradazioni cromatiche più vicine all’avorio: il tuo incarnato risulterebbe freddo e pallido e comunque innaturale.

E per la pelle scura?

Se la tua pelle è tendenzialmente scura sei fortunata: ti sarà consentito osare, trasgredire e provare un po’ di tutto. Il tuo incarnato ben si presta infatti all’uso di un illuminante viso dal colore caldo e persino molto acceso. Per quanto tu ti possa sentire libera di osare però ti consigliamo di evitare con cura i toni più freddi perché potrebbero tingere di un grigio innaturale e poco gradevole la tua pelle. Sì invece ai toni dell’arancio e del rosa, ai dorati ed ai ramati.

Illuminante viso: come usarlo sui punti giusti

Nel viso sono sempre individuabili dei punti luce di base, punti su cui sarà possibile lavorare di illuminante. Il cosmetico però andrà steso e quindi sfumato in modo da non ottenere alcun effetto sgradevole. Come procedere? Semplice: per prima cosa passa un velo di crema idratante sulla pelle e lascia che l’unguento si assorba prima di procedere con l’applicazione dell’illuminante. Una volta utilizzato anche questo cosmetico, potrai passare al fondotinta.

Se preferisci puoi anche unire il tuo fondotinta con l’illuminante viso in modo da velocizzare le operazioni di make-up. Optare per questa soluzione però non ti permetterà di giocare con la luce valorizzando un punto del viso anziché un altro. Prova quindi sia l’una che l’altra opzione e vedi quale si adatta di più al tuo volto, alla tua pelle ed al tuo senso estetico.

Ma, dopo tanto parlare, dobbiamo darti qualche notizia anche sui punti luce più importanti del viso, quelli che dovrai decidere se valorizzare o meno. Uno di questi è la fronte. Applicando qui il tuo illuminante potrai correggere un’eccessiva larghezza di questa parte anatomica e quindi rendere più proporzionato il volto. Se invece decidessi di applicare il cosmetico tra le sopracciglia otterresti uno sguardo più intenso e profondo.

Lavorando sulla zona che sovrasta le arcate sopraccigliari poi creeresti un piacevole effetto lifting e definiresti un po’ meglio i contorni della parte. Non sei soddisfatta del tuo naso? Metti una striscia di illuminante proprio sulla sua parte frontale ed apparirà presto un po’ più sottile del solito. Vuoi nascondere borse ed occhiaie? Usa l’illuminante per contornare la zona “appuntita” dell’occhio, quella che più si avvicina all’attaccatura del naso. Se invece vuoi far risalire gli zigomi applica in corrispondenza della parte il tuo prodigioso prodotto di bellezza. Agisci infine su mento e sottolabbra per ottenere rispettivamente un effetto meno pronunciato o una bocca apparentemente più carnosa.

Domande sull’illuminante viso: ecco le risposte

Ti sveliamo un piccolo segreto: nessun make-up, per quanto ben studiato, può dirsi perfetto soprattutto in assenza di un tocco di illuminante. Ecco perché diventa importante prendere confidenza con questo cosmetico. Ti aiutiamo perciò a trovare una risposta alle tante domande che, ne siamo sicuri, avresti da porci.

Illuminante viso: come lo applico?

Te lo diciamo subito e senza mezzi termini: applicare un illuminante viso non è un’operazione semplice. Le prime complicazioni si possono avere già nella scelta delle quantità da impiegare. Una “dose” massiccia di cosmetico potrebbe farti sembrare infatti una sorta di panda gigante, una “dose” troppo parsimoniosa invece ti metterebbe al riparo dal pericolo di commettere grossi errori, ma ridurrebbe anche i benefici ottenibili da un buon illuminante viso. Se utilizzassi il prodotto sui punti luce sbagliati poi potresti ottenere un effetto del tutto innaturale, quasi metallico.

Morale della favola? L’illuminante va utilizzato sui punti giusti ed in quantità consone. Potrai scegliere se acquistare la formulazione in polvere o liquida, ma in ogni caso dovrai picchettare il cosmetico su zigomi, zona T e negli angoli interni degli occhi avendo sempre cura di sfumare. Per eseguire queste operazioni potrai avvalerti delle tue dita o di una buona beauty blender. A te la scelta.

Fondotinta e crema illuminante viso: come unirli?

Se ben ricordi ti abbiamo detto che, per velocizzare le operazioni di trucco e parrucco, puoi unire il fondotinta all’illuminante viso saltando quindi uno degli step da compiere al momento di definire il make-up. Questa operazione ti darà modo inoltre di creare un fondo che sia decisamente uniforme e di per sé correttamente illuminato.

Se intendi procedere su questa strada devi stendere il fondotinta sul dorso della tua mano. Unisci poi qualche goccia della tua crema illuminante preferita e mescola con passione. Allo scopo potrai utilizzare le dita, la famosa spugnetta di cui sopra o un pennellino. Nello stesso modo potrai miscelare l’illuminante alla tua solita crema idratante, al primer che usi ormai da sempre o in genere a qualsiasi altra base per il trucco.

Il fondotinta lo metto prima o dopo la crema illuminante?

L’esatto ordine da seguire è: crema viso, magari scegli un prodotto idratante, illuminante e quindi fondotinta. Soltanto sporadicamente l’ordine muta in crema, illuminante, fondotinta, ancora illuminante viso. In questi casi l’effetto che si vuole ottenere è quello di rendere ancora più visibili determinati punti luce. Se volessi provare sappi a priori però che evidenziare così una parte del volto significa avere grosse difficoltà a sfumare la crema illuminante ed a ricreare un colorito omogeneo su tutto il volto.

Gli strumenti ideali per applicare correttamente la crema illuminante viso

Non sai quali sono i ferri del mestiere? Beh, siamo qui anche per questo. Prima di tutto il tuo strumento sarà la consueta base per il trucco. A questa aggiungerai un bel correttore, il cui colore sia appena più chiaro rispetto a quello del tuo incarnato. Ti servirai poi di spugnette, pennelli per sfumatura, ombretti ed ovviamente illuminante per il viso in una o più cromie, in formato stick o, se preferisci, in polvere.

Preparare il viso all’uso della crema illuminante

Per utilizzare al meglio l’illuminante viso dovrai preparare la pelle. Usa quindi un buon idratante a cui, volendo, potrai aggiungere un primer. In questo modo otterrai una finitura destinata a durare un po’ di più nel tempo. Metti quindi l’illuminante viso e poi il fondotinta. Ricorda che usare una base liquida significa ottenere una finitura più liscia. Allo stesso modo incorniciare il volto grazie all’uso di tonalità appena più scure rispetto alla propria pelle, esalterà i punti luce dandogli una maggiore profondità. In ogni caso è sempre bene sfumare il più possibile in modo da non ricreare antiestetici stacci cromatici.

Applicare correttamente la crema illuminante viso in soli 5 passaggi

Per applicare correttamente il tuo illuminante viso dovrai nell’ordine:

  1. stendere una base per il trucco che uniformi l’incarnato
  2. scegliere le zone da valorizzare e segnarle con un correttore
  3. stendere l’illuminante viso sui punti luce precedentemente indicati
  4. sfumare e correggere eventuali eccessi localizzati di crema illuminante
  5. stendere il fondotinta

Illuminante viso: dove applicarlo?

L’illuminante viso va sempre steso sui punti luce, diversamente creeresti un effetto sgradevolmente innaturale. Nello specifico lavorerai perciò sulla parte superiore degli zigomi, ma anche nella parte sottostante all’arcata sopracciliare. L’illuminante darà così profondità allo sguardo ed in generale alla zona trattata.

Stendendo il cosmetico sul ponte del naso invece assottiglierai la parte e ne renderai più morbida e dolce la punta. Se vuoi ottenere un viso piacevolmente pieno, lavora poi sul cosiddetto arco di Cupido, ossia sulla zona posta subito al di sopra del labbro superiore. Facendo lo stesso sul mento valorizzerai il labbro inferiore. Se infine vorrai eliminare dal contorno occhi ogni segno di affaticamento, trucca con l’illuminante gli angoli interni degli stessi ed il centro delle palpebre: faticherai a riconoscerti!

1) Maybelline Strobing Liquid

Maybelline Strobing Liquid è uno dei migliori illuminanti che si possa reperire su piazza. L’uso sapiente di questo cosmetico regalerà al volto le giuste profondità e creerà giochi di luci ed ombra armonizzando qualsiasi tipo di viso. Il colore del prodotto tende al rosato e si adatta quindi alle pelli più chiare o, tuttalpiù, ai fototipi intermedi.

La particolare formulazione liquida di questa crema rende possibile, ed anche molto semplice, l’eventuale miscelazione dell’illuminante con il fondotinta. Inoltre l’articolo qui in esame ben si presta ad essere utilizzato come un primer. Chi ne sente la necessità infine potrebbe anche decidere di stendere il cosmetico sul fondotinta di cui sopra, a patto però che quest’ultimo abbia avuto il tempo di fissarsi a dovere sulla pelle.

Maybelline Strobing Liquid è un prodotto di indubbia qualità, facile da stendere e da utilizzare, ma non dovrebbe mai essere adoperato sulle pelli tendenzialmente lucide o grasse. Ciò perché la formulazione è pensata per conferire al viso una particolare luminosità, luminosità che risulterebbe eccessiva ed innaturale però su determinati tipi di cute.

Il nostro illuminante viso è invece perfetto per porre in risalto soprattutto i punti luce presenti al di sotto delle arcate sopraccigliari, ma anche sugli zigomi e sul naso. Può poi ricreare un ottimo effetto strobing. Dei migliori è infine il rapporto qualità-quantità-prezzo vantato da questa straordinaria crema illuminante viso. Insomma: ecco un classico esempio di acquisto sicuramente consigliato!

In sintesi:

adatto a: pelli chiare e fototipi medi

vantaggi: formulazione liquida che agevola la miscelazione con il fondotinta, facilità d’uso, ottima resa, possibilità di ricreare facilmente l’effetto strobing, rapporto qualità-prezzo molto interessante

svantaggi: del tutto inadatto all’uso su pelli lucide e grasse

2) Luvia Prime Glow Palette

Scegliendo di acquistare Luvia Prime Glow Palette ci si metterà nella condizione di poter utilizzare diverse tonalità di illuminante viso (addirittura 8!). Si potranno così ottenere effetti differenti sulla propria pelle o magari soddisfare le esigenze di madri, figlie e conviventi in genere. Quello qui in esame è un prodotto semiprofessionale. Grazie alla varietà cromatica contenuta nella palette sarà ad esempio possibile utilizzare dei colori caldi sugli zigomi in modo da regalare al viso una certa profondità. Contemporaneamente si potrebbe miscelare una polvere fredda ad un po’ di fondotinta e lavorare sulla zona del contorno occhi per rendere lo sguardo intenso e seducente. Insomma: ci si potrà letteralmente sbizzarrire!

L’uso del prodotto viene molto semplificato dalla presenza e dalla dimensione dello specchietto inserito all’interno della confezione. Ma non è ancora tutto. Luvia Prime Glow Palette vanta anche una lunga persistenza sulla pelle. Nei casi peggiori il nostro illuminante viso resterà ben steso sul volto per circa 6 ore, 8 nei casi migliori.

La texture ha poi una consistenza appena cremosa, quel tanto che basta per non cadere nell’effetto maschera e per non seccarsi sulla pelle, quel tanto che consente insomma di mescolarsi perfettamente con una buona crema idratante o con gli altri trucchi della trousse. Unico neo? L’INCI è un po’ troppo chimico e non è adatto ad idratare la pelle. Qualcuno potrebbe dire anche che il prezzo è un pelino alto, ma è bene ricordare che si hanno a disposizione in questo caso ben 8 diverse tonalità di illuminante viso!

In sintesi:

adatto a: tutti

vantaggi: ottima resa, presenza nella palette di 8 diverse tonalità di illuminante viso (sfruttabili anche in combo) e di uno specchio molto grande, ottima resistenza

svantaggi: prezzo, INCI migliorabile, assenza di funzione idratante

3) Bionike Defence Color Lumieresse

Bionike Defence Color Lumieresse è più che altro una matita illuminante, anzi, la matita illuminante per eccellenza. Nel suo INCI sono del tutto assenti quelle sostanze che di solito vengono ampiamente utilizzate nell’ambito cosmetico e che non possono dirsi però salutari né per la pelle, soprattutto se delicata, né tanto meno per l’ambiente.

Quella appena illustrata è una caratteristica posseduta non soltanto dal prodotto qui recensito, ma da tutti i cosmetici a marchio Bionike. Nello specifico le formulazioni non contengono profumi artificiali, né tanto meno conservanti o particelle di glutine. Inoltre sono assenti nelle ricette nichel, cromo e derivati. Ciò significa che i cosmetici Bionike possono essere utilizzati in tutta sicurezza sia sulle pelli sensibili, lo accennavamo già prima, che dai soggetti affetti da allergie da contatto.

Ma torniamo alla nostra Bionike Defence Color Lumieresse. Si tratta di una matita da utilizzare soprattutto sul contorno occhi o per meglio evidenziare i lineamenti del viso oppure ancora per migliorare l’aspetto del décolleté. La luce conferita alla pelle del volto è in questo caso iridescente e radiosa e può adattarsi ad un trucco serale o da giorno.

Il prodotto non necessita del supporto del fondotinta, si assorbe velocemente ed ha una resa molto naturale. Questo illuminante viso è inoltre testato oftalmologicamente, si adatta ad ogni tipo di pelle ed ha un colore universale che ben si sposa con tutte le possibili carnagioni. Ottimo è infine anche il rapporto qualità-prezzo. Insomma: ecco un perfetto esempio di illuminante viso “must I have”!

In sintesi:

adatto a: tutte le carnagioni, a tutti i tipi di pelle, a soggetti allergici e con cute sensibile

vantaggi: prodotto oftalmologicamente testato, ottimo rapporto qualità-prezzo, INCI di altissima qualità, resa perfetta

svantaggi: niente da segnalare

4) Rimmel Sculpting Palette

Sei in cerca di un prodotto 3 in 1? Perfetto: Rimmel Sculpting Palette è ciò che ti serve. All’interno della palette troverai infatti un illuminante, una terra ed un bel blush. Si tratta di un kit di bellezza vero e proprio, kit di bellezza che, dati di mercato alla mano, non manca di riscuotere successi sia nel nostro paese che all’estero. Ma scendiamo un po’ più nei dettagli e cerchiamo di capire cosa renda tanto affascinante questo cosmetico.

Iniziamo dalla terra. Questa è perfetta per dar vita sul viso ad una base che definisca al meglio i contorni del volto. Il colore di questa polvere, sebbene all’apparenza molto scuro, ben si adatta anche alle pelli chiare dando all’incarnato un aspetto molto credibile e naturale. Passiamo al blush. Si tratta di un prodotto leggermente glitterato, pensato per contrastare appena la particolare cromia matt della terra, cromia peraltro perfetta per le pelli grasse. L’illuminante infine ha una resa parecchio naturale e si caratterizza per un effetto scarsamente glitterato.

Nell’insieme Rimmel Sculpting Palette è quindi un prodotto molto completo ed equilibrato, capace di garantire un risultato credibile ed elegante, mai troppo visibile e mai troppo sopra le righe. Sul mercato il cosmetico qui in esame è disponibile in due diverse gamme cromatiche: la Coral Glow, adatta più che altro alle pelli chiare e diafane, e la Golden Bronze, perfetta per le pelli scure e per i fototipi intermedi. Un difetto? La necessità di eseguire ritocchi regolari trascorse 5 o 6 ore dalla precedente applicazione.

In sintesi:

adatto a: tutti i tipi di pelle, soprattutto alle utenti con pelle chiara

vantaggi: acquisto di un kit completo di bellezza, effetto naturale, stratificabile

svantaggi: necessità di ritoccare spesso il cosmetico, scarsa visibilità dell’illuminante, adatto quindi soltanto ad un trucco molto sobrio

5) Maybelline Instant Anti Age

Maybelline Instant Anti Age non è un illuminante vero e proprio, ma ci si avvicina parecchio. Tecnicamente, quello qui recensito è infatti un correttore che, se utilizzato con le dovute accortezze, può tranquillamente assolvere alle funzioni di una crema illuminante. Ma cerchiamo di far luce (è proprio il caso di dirlo) sull’argomento. Iniziamo col dire perciò che stiamo qui presentando un prodotto liquido e, come tale, facilmente miscelabile ad altri cosmetici. Esso inoltre si fonde alla perfezione con la pelle.

Per un utilizzo adeguato di questo correttore ad alto potere illuminante basterà ricreare innanzitutto una base con il solo fondotinta. A quel punto sarà possibile stendere un’ulteriore base, stavolta molto leggera, di illuminante viso. In questa fase è importante evidenziare soprattutto i punti luce chiave. Fatto ciò, si correggeranno le parti del viso che presentano piccoli difetti utilizzando soltanto moderate quantità del nostro correttore, a sua volta dotato di particelle illuminanti. Quella appena descritta è una tecnica utilizzata dai professionisti del settore, persino sui set di Hollywood: il risultato è quindi più che garantito.

Maybelline Instant Anti Age si adatta soprattutto ai visi che hanno qualche problema nella zona occhi, un po’ appesantiti dagli anni che passano o addirittura leggermente rugosi. Non a caso nella formulazione sono presenti bacche di goji ed haloxyl, sostanze attive nel rallentamento del processo di invecchiamento cellulare. Da segnalare è infine il rapporto qualità-prezzo, davvero interessante per questo tipo di prodotto!

In sintesi:

adatto a: pelli mature, visi segnati da borse ed occhiaie

vantaggi: effetto anti-età, buon rapporto qualità-prezzo, consistenza liquida facilmente miscelabile

svantaggi: all’atto pratico il prodotto è un correttore ad effetto illuminante. Va quindi usato insieme ad altri cosmetici ed ha efficacia soltanto su alcune porzioni del viso

6) NyX Born to Glow Professional

Economico, pratico da utilizzare, capace di assicurare una resa pressoché perfetta e versatile al punto giusto: ecco come potremmo descrivere NyX Born to Glow Professional. Questa crema viso, appartenente alla categoria degli illuminanti liquidi, va utilizzata con parsimonia sulle zone del volto di tuo interesse. Si può scegliere se far seguire al trattamento un’applicazione di fondotinta o se miscelare i due cosmetici: il risultato finale sarà comunque dei migliori. In alternativa sarà possibile anche avvalersi della nostra crema senza ricorrere al supporto del caro vecchio cerone, ma in quel caso sarà necessario anche sfumare un po’.

La formulazione di questo prodotto ben si adatta a porre in risalto soprattutto gli zigomi, il cosiddetto arco di Cupido, il contorno occhi e persino il décolleté. Qualche problemino si potrebbe riscontrare invece nella zona T che, soprattutto in presenza di una pelle di per sé grassa e lucida o in concomitanza con una giornata particolarmente calda, apparirebbe eccessivamente brillantata.

NyX Born to Glow Professional resta ben steso e visibile sulla cute per un arco temporale compreso tra le 6 e le 8 ore. Molto interessante è poi la gamma di colori tra cui è possibile scegliere il proprio cosmetico. Attenzione però a due piccoli particolari: l’INCI è in questo caso davvero molto chimico. In più il formato scelto per il tubetto di illuminante è parecchio compatto. Insomma: spenderai pochissimo per comprare questa crema, ma dovrai comprarla di continuo!

In sintesi:

adatto a: pelli normali, miste, secche

vantaggi: gamma considerevole di colori, resa naturale, possibilità di utilizzare il cosmetico con o senza fondotinta, discreta persistenza sulla pelle

svantaggi: INCI molto chimico, formato parecchio compatto, qualche problema di resa sulla “zona T”

 

Lascia un commento