Home » Capelli » Piastra per capelli: riconoscere le top

Piastra per capelli: riconoscere le top

Una piastra per capelli, per funzionare veramente, dovrebbe rispondere a due caratteristiche: innanzitutto è necessario che sia un prodotto di qualità, è ovvio, e poi dovrà adattarsi alla perfezione alle tue esigenze (ed a quelle dei tuoi capelli). Questo strumento di bellezza, onnipresente nelle case e nei saloni dei parrucchieri, si è molto evoluto nel tempo.

L’offerta, per così dire, si è infatti diversificata tantissimo: abbiamo perciò prodotti rivestiti in ceramica o in titanio, altri pensati per i capelli ricci, altri ancora studiati per sfruttare l’energia del vapore o degli ioni negativi e così via. In questo mare di proposte ed offerte non è facile barcamenarsi, trovare il prodotto che, come ti dicevamo prima, si adatti perfettamente alle tue richieste e non sacrifichi niente in termini di qualità. Qui però entriamo in gioco noi: qualche consiglio utile del resto fa sempre comodo, no?

Il tipo di capello

La tua migliore amica sfoggia sempre capelli lisci e perfettamente in ordine. Stanca di avere perennemente a che fare con la tua criniera leonina le hai chiesto quale sia il suo segreto. Lei ti ha risposto che la sua chioma da esibizione è soltanto una conquista recente, merito della nuova piastra che ha comprato per rimpiazzare la precedente. Sei corsa subito online, o al tuo negozio di elettronica preferito, ed hai acquistato lo stesso identico prodotto. Il risultato? La tua amica continua ad andare in giro con capelli da star e tu… beh, a te non resta che imparare a ruggire.

Questo genere di situazioni si verifica spesso. Alla base di tali eventi, apparentemente inspiegabili, giace una grande verità: i capelli non sono tutti uguali. Non a caso abbiamo degli shampoo pensati per i capelli lisci ed altri pensati per i capelli ricci, dei balsami per capelli crespi e delle lozioni ideate per i capelli normali. E perché mai non dovrebbero esserci anche delle piastre specifiche per ogni tipo di capello?

Un tempo magari le cose non stavano proprio così: le piastre per capelli erano standard e garantivano infatti dei buoni risultati soltanto ad alcune fortunate. Al giorno d’oggi, là fuori, c’è anche la piastra adatta a te ed alla tua criniera leonina, quella perfetta per la tua amica, che ha semplicemente i capelli un po’ mossi, e quella adatta alla tua vicina di casa che invece sfoggia una bellissima cascata di ricci naturali. Insomma: tutto sta nell’imparare a riconoscere il prodotto che meglio si adatti alle caratteristiche delle proprie chiome!

Le diverse caratteristiche delle piastre per capelli

Ti basterà recarti in un qualsiasi negozio di elettronica e spostarti al reparto dedicato per renderti conto che le piastre per capelli disponibili sugli scaffali hanno tutte caratteristiche differenti. Alcune, tanto per fare un esempio, raggiungono temperature più alte rispetto alle altre e si contraddistinguono anche per la larghezza delle barre riscaldanti. Perfetto: questi modelli sono studiati per ottenere delle piccole magie sui capelli ricci e crespi. Le piastre per capelli più sottili, possibilmente rivestite in ceramica e tarate per non raggiungere temperature altissime, sono invece pensate per i capelli sottili, delicati, quelli che insomma possono essere danneggiati con estrema facilità.

Le piastre larghe almeno 3 centimetri poi meglio si adattano ai capelli molto lunghi, quelle più sottili ai tagli corti. E se in casa siete in tante ad avere necessità di utilizzare questo utile strumento di bellezza? E se ognuna di voi avesse capelli e tagli diversi? Beh, scegli una piastra da 2,5 centimetri di larghezza: questa dimensione si adatta a tutte le esigenze!

Tieni a mente i piccoli segreti appena appresi e ti sarà più facile individuare il prodotto che faccia al caso tuo. Ti sarà più facile anche ottenere finalmente il look che tanto ti piace e dire finalmente addio alle chiome selvagge di cui sopra. Ah, non badare troppo a spese: ricorda che comprare una buona piastra per capelli (acquisto una tantum) significa non soltanto ottenere buoni risultati, ma anche proteggere la salute della tua chioma!

Piastra in titanio o piastra in ceramica?

Scegliere una piastra adatta alle proprie esigenze non significa soltanto valutare le dimensioni delle sue parti riscaldanti e capire quale possa essere la temperatura massima raggiungibile dal prodotto. Come abbiamo già detto altrove, le piastre per capelli si sono infatti evolute parecchio nel corso di questi ultimi anni. Ciò significa, ad esempio, che dovrai scegliere tra un rivestimento in ceramica ed uno al titanio.

Ora: sappi che in linea di massima i capelli più spessi e difficili da trattare possono essere domati soltanto facendo ricorso a materiali capaci di sviluppare temperature più elevate. In linea di massima quindi in questo caso sarebbe meglio scegliere il titanio. Tale materiale si riscalda con una certa rapidità e raggiunge vette termiche impensabili per la ceramica.

I capelli delicati, già danneggiati o perennemente sottoposti a tinture sono invece più fragili e, per mantenerli in salute, sarà necessario garantirgli un certo livello di umidità e comunque un’esposizione al calore molto limitata. Da qui il ricorso alla ceramica. In genere le piastre così rivestite si adattano anche ai capelli fini, appena ondulati e facili da lisciare. La ceramica infatti tende a distribuire uniformemente il calore, ma senza raggiungere i picchi di temperatura toccati dal titanio.

Piastra a vapore o piastra a secco?

Potrai poi trovarti a scegliere tra piastre a vapore o a secco. La prima opzione è decisamente la più moderna, quella che tra l’altro al giorno d’oggi comincia ad andare per la maggiore. Perché tanto successo? Beh, il vapore crea umidità in quantità controllate, questa umidità idrata il capello mentre viene sottoposto allo stress della lisciatura.

In poche parole una piastra al vapore protegge, ed è paradossale se pensi a quante volte hai ritenuto l’umidità nemica giurata dei tuoi capelli, la chioma più delicata. Queste piastre tra l’altro sono capaci di ottenere un perfetto hair styling. La variante a secco è invece un’opzione più tradizionale, per così dire. Può sì garantire dei risultati, ma alla lunga potrebbe anche danneggiare il capello. A te la scelta…

Piastra a infrarossi: fa male?

Ed a proposito di danneggiare i capelli: la piastra ad infrarossi è amica o nemica della tua chioma? Beh, diciamo amica. Essa riscalda in maniera uniforme e veloce, riesce a domare l’effetto crespo tanto sulle capigliature sottili quanto su quelle più folte, ed in più attraversa il capello senza sottoporlo allo stress delle alte temperature. L’infrarosso, una volta entrato nella struttura del capello, asciuga i peli dall’interno, approccio questo sicuramente più delicato rispetto a tanti altri.

Piastra per capelli: fa male usarla tutti i giorni?

A prescindere dalla tipologia di piastra che sceglierai di acquistare poi dovrai sempre valutare se e quando utilizzarla. Insomma: per quanto delicata o all’avanguardia essa possa essere, sarebbe meglio non farne un uso quotidiano. Ammesso anche che tu abbia l’abitudine o la necessità di ricorrere tutti i giorni a questo utile strumento per l’hair styling, cambia subito rotta se i tuoi capelli iniziano ad apparire secchi, più crespi del solito oppure ancora opachi, fragili e pieni di doppie punte.

In questo caso limitati ad un utilizzo che, in relazione alla gravità del fenomeno, vada da 1 a 3 volte alla settimana. Valuta anche se è il caso di acquistare dei termoprotettori per capelli da impiegare occasionalmente o ad ogni trattamento lisciante. In più, se puoi, cerca di prevenire ogni possibile danno utilizzando sempre temperature non troppo alte.

Cosa suggerisce il parrucchiere? Impara a scegliere la forma giusta

Quando il tuo parrucchiere di fiducia impugna la sua piastra per capelli sembra quasi un mago che maneggia la sua bacchetta magica: lui solo riesce ad ottenere risultati impensabili, anche sulla tua chioma selvaggia! Il trucco, anche in questo caso, c’è e qualche addetto ai lavori è per fortuna disposto a spiegarcelo.

Prima grande rivelazione: non per forza una piastra deve essere piatta, così come da immaginario comune. Un bordo arrotondato, per esempio, nasconde la possibilità di trasformare questo strumento di bellezza in un arricciacapelli in piena regola. Un bordo spigoloso invece caratterizzerà quelle piastre pensate solo ed esclusivamente per lisciare i capelli.

Attenzione alla larghezza della piastra

Segreto numero due: una piastra larga è sempre più veloce rispetto ad una piastra stretta. Considera però che, come abbiamo già detto prima, una variante extralarge del prodotto non si adatta a tutte quelle capigliature che mal tollerano gli eccessi di calore ed è comunque potenzialmente più stressante per il capello.

Piastra per capelli e materiali

Passiamo adesso ai materiali. Come già sai il titanio può raggiungere, in tempi brevissimi peraltro, temperature considerevoli. Il calore accumulato su queste piastre si diffonde sui capelli in maniera molto uniforme. Un rivestimento in titanio spesso fa lievitare considerevolmente il costo di una piastra, ma i risultati ottenibili giustificano i prezzi più alti.

La ceramica invece è un po’ meno efficiente, ma rappresenta comunque una valida alternativa al titanio. Il suo impiego è sicuramente più prudente, nel senso che tale materiale permette di controllare meglio gli eccessi di calore e quindi di danneggiare meno i capelli. C’è da dire però che il rivestimento in ceramica non è certo indistruttibile e, lisciatura dopo lisciatura, si consuma lasciando spazio allo strato di ferro sottostante. Quest’ultimo, stai bene attenta, non può certo definirsi un materiale adatto al contatto con i capelli.

La tormalina infine ben si sposa con i le esigenze delle chiome più delicate o danneggiate. Essa riduce infatti l’effetto crespo e protegge il capello dagli effetti nefasti prodotti da un eventuale eccesso di calore. Le piastre rivestite in tormalina sono dette anche ioniche dato che rilasciano sulla capigliatura degli ioni positivi e degli ioni negativi.

La regolazione della temperatura

Quarto suggerimento: scegli sempre delle piastre con temperatura regolabile. Ciò ti servirà a capire quale impostazione settare per trattare la tua capigliatura e per adattare lo strumento anche alle esigenze delle altre donne di casa. Come fare? Semplice: quando per la prima volta liscerai i capelli, dovrai scegliere il programma più soft ed aumentare pian piano il calore prodotto.

Non appena riuscirai ad ottenere i primi risultati, guarda la temperatura su cui è settata la piastra: quella sarà la tua temperatura ideale, la temperatura che da ora in poi utilizzerai ad ogni trattamento. Attenzione però: le piastre economiche spesso non sono in grado di riscaldarsi in maniera uniforme ed il risultato in quel caso potrebbe apparire falsato.

Mai confondere prezzo e valore

Infine un consiglio: mai scegliere prodotti troppo economici, di bassa qualità o di dubbia provenienza. Accontentati semmai di spendere nell’immediato qualcosa in più, ma di portare a casa uno strumento per lo styling che sia prestazionale, durevole nel tempo e, soprattutto, il meno nocivo possibile per i tuoi capelli. Del resto considera che ammortizzerai presto la spesa sostenuta, magari saltando qualche incontro dal parrucchiere o evitando di comprare quintali e quintali di prodotti ristrutturanti e guarenti! Detto ciò, passiamo ai consigli per gli acquisti. Nelle prossime righe troverai un’utile selezione di piastre per capelli. Ovviamente nella lista saranno inclusi soltanto prodotti top!

1) Braun Satin Hair Sensocare St 780

Braun Satin Hair Sensocare St 780 è il nuovo che avanza. Il suo corpo macchina è pieno di piccoli sensori sensibilissimi i quali sono capaci di valutare la lunghezza dei capelli, il loro spessore, il livello di umidità conservato e persino la presenza di un’eventuale tintura. Una volta ricavate tutte queste informazioni, informazioni campionate ogni 20 secondi circa, la piastra per capelli modula la temperatura in modo da trovare un punto di incontro tra efficienza e protezione della chioma.

Ad ogni analisi effettuata apparirà sul display del prodotto un’emoticon, grazie alla quale sarà possibile interpretare i dati raccolti. La macchina inoltre suggerirà, proprio in funzione del significato attribuito a ciascuna di queste emoticons, come procedere per lisciare i capelli al meglio e senza danneggiarli. Si tratta, non è difficile capirlo, di una tecnologia molto moderna, intelligente, fantascientifica sino a qualche decennio addietro.

Le dimensioni delle piastre sono pari a 9 centimetri di lunghezza e 3 centimetri di larghezza. Esse sono rivestite in nano glide, ossia in ceramica pura. Ciò significa che il prodotto è capace di scorrere velocemente sui capelli, lisciandoli, non danneggiandoli ed esaltandone la naturale brillantezza. L’importante è però impostare sempre il programma sensocare. Braun Satin Hair Sensocare St 780 raggiunge temperature comprese tra i 120 ed i 200°C e può far ciò in non più di una trentina di secondi. Inoltre offre tre diverse configurazioni memorizzabili. Davvero ottimo è infine il rapporto qualità-prezzo che contraddistingue questo articolo, acquisto senza dubbio più che consigliato!

In sintesi:

adatta a: chiunque

vantaggi: tecnologia all’avanguardia, possibilità di memorizzare diverse configurazioni, ottimo rapporto qualità-prezzo

svantaggi: temperatura massima raggiungibile pari a 200°C

2) Babyliss Lasting Shine

Babyliss Lasting Shine, nonostante le dimensioni ridotte in larghezza (circa 1,3 centimetri), è una piastra adatta a chiunque abbia i capelli ricci o poco mossi. Grazie alla tecnologia Advanced Ceramics è possibile per la macchina riscaldarsi in appena una ventina di secondi, o addirittura meno. Le temperature opzionabili sono tutte comprese nel range che va dai 170 ai 230°C. Il prodotto, corredato da piastre in ceramica, è stato studiato per lisciare delicatamente i capelli senza che questi possano mai incastrarsi in interstizi o in ingranaggi sporgenti.

La piastra per capelli qui in esame, inizialmente destinata soltanto ad un uso professionale e poi sdoganata anche nelle case dei “comuni mortali”, si caratterizza per la sua leggerezza. Con i suoi 430 grammi stentati diventa semplice da maneggiare, anche sul lungo periodo. Essa è inoltre corredata da un pettinino rimovibile, utile a togliere i nodi dai capelli già durante il trattamento lisciante. Particolarmente gradevole è poi il design del prodotto.

Per completezza di informazione però dobbiamo dire che Babyliss Lasting Shine purtroppo non è la piastra ideale se si cerca uno strumento lisciante capace di agire velocemente. La sua facilità d’uso inoltre potrebbe risultare un po’ ridotta se si considera che il cavo non arriva ai 2 metri di lunghezza, mentre un filo di dimensioni accettabili si dipana in genere per circa 3 metri. Ottimo è infine il rapporto qualità-prezzo, soprattutto se si considera che questa piastra per capelli è spesso presente anche nei saloni di bellezza.

In sintesi:

adatto a: capelli ricci o poco mossi

vantaggi: buon rapporto qualità-prezzo, leggerezza, design sofisticato e pensato per non strappare i capelli

svantaggi: azione non sempre veloce, cavo corto

3) Remington S9500 Pearl

La piastra per capelli Remington S9500 Pearl è forse una delle migliori sul mercato, soprattutto per quanto riguarda i prodotti pensati per un uso esclusivamente domestico. Iniziamo dall’aspetto forse meno importante della nostra recensione: l’impatto estetico. Questo strumento per l’hair styling ha un design curato ed elegante in cui il nero lucido e la brillantezza della perla si incontrano per stupire. Sul manico della macchina è inoltre presente qualche decorazione fashion. Insomma: in caso di regalo il prodotto non mancherà di stupire, ancor prima di essere messo in funzione!

Passiamo adesso ad aspetti un po’ più importanti della questione. Iniziamo col dire che la temperatura è regolabile ed in appena 10 secondi questa piastra, rivestita in ceramica e perla naturale, può raggiungere valori compresi tra i 150 ed i 235°C. Interessante è poi il peso di Remington S9500 Pearl che si colloca appena al di sotto dei 600 grammi e che quindi rende il prodotto leggero e maneggevole. La presenza di un cavo lungo più di 3 metri poi non fa che migliorare la situazione.

Questa piastra per capelli, garantita per ben 5 anni, ha inoltre voltaggio universale e può quindi essere portata dappertutto nel mondo senza doversi preoccupare di procurarsi adattatori particolari. Tra gli accessori inclusi nella confezione segnaliamo una borsetta da viaggio ed un tappetino da appoggio. Le piastre sono un po’ più lunghe rispetto allo standard, elemento questo che aiuta ad evitare strappi e fastidi. Il prodotto gode poi di funzione spegnimento automatico e termo boost. Ottimo è infine il rapporto qualità-prezzo.

In sintesi:

adatta: a chiunque

vantaggi: garantita 5 anni, rivestimento di altissima qualità, cavo lungo, maneggevolezza, funzione termo boost e spegnimento automatico, design curato, voltaggio universale, ottimo rapporto qualità-prezzo

svantaggi: niente da segnalare

4) GHD Gold Professional Styler

GHD Gold Professional Styler: è questo il nome della piastra per capelli migliore del mondo. Non esiste professionista, addetto ai lavori o semplice esperto di trucco e parrucco che non ne riconosca il valore. La prima prerogativa di questo gingillo è quella di saper combattere alla radice, è proprio il caso di dirlo, l’effetto crespo. Il calore passa e si diffonde rapidamente attraverso le piastre in ceramica che compongono il prodotto, piastre la cui larghezza è pari a 2,5 centimetri e che quindi si adattano ad ogni testa ed ad ogni situazione.

Una scelta particolare compiuta dalla casa produttrice è quella di settare la macchina in modo che possa lavorare sempre a 185°C, valore raggiunto dal dispositivo in meno di una trentina di secondi di attività. Questa scelta è in qualche maniera interpretabile come un’opzione di sicurezza: non c’è modo che tale temperatura danneggi i capelli, nemmeno quelli più delicati. Contemporaneamente però il valore è alto tanto quanto basta per ottenere una buona lisciatura.

Le piastre sono in questo caso basculanti ed hanno bordi lisci che impediscono ai capelli di rimanere impigliati o di strapparsi accidentalmente. La tenuta della piega è praticamente perfetta, anche quando si vuole creare qualche onda. GHD Gold Professional Styler è capace di adattarsi a qualsiasi tipo di alimentazione, opzione molto interessante per chi viaggia spesso fuori dall’Italia. Il cavo è però di poco più corto dei 3 metri standard, ma garantisce una rotazione a 360°. Unico neo di questa meravigliosa piastra per capelli? Il prezzo…

In sintesi:

adatta a: tutti, ma soprattutto a chi non ha capelli troppo ricci o sottili

vantaggi: prodotto professionale, resa di alto livello, lunga tenuta della piega, possibilità di lisciare o creare onde, utilizzo molto semplice

svantaggio: temperatura unica, cavo lungo poco meno di 3 metri, prezzo

5) Karmin G3 Pro WH

Karmin G3 Pro WH è una piastra realizzata in ceramica e tormalina pura. Questo significa che scorrerà sui capelli in maniera fluida e veloce, senza peraltro mietere vittime. Il range delle temperature raggiungibili oscilla in questo caso tra gli 80 ed il 240°C. La cosa più interessante è però la presenza di uno ionizzatore integrato, utile ad umidificare quel tanto che basta i capelli sottoposti al trattamento proteggendoli quindi dai danni da calore. Inoltre, grazie ancora alla tecnologia a campo ionico, sarà possibile fissare sulla chioma tutti gli oli prodotti naturalmente dai peli umani nonché esaltare la morbidezza e la lucentezza della capigliatura.

La macchina consta peraltro di un dispositivo di sicurezza che disattiva il sistema dopo un’ora di totale inattività. Di un bel bianco perlato, questa piastra per capelli viene venduta insieme ad un’elegante custodia da viaggio ed ad un utile tappetino termico. Leggero e maneggevole, Karmin G3 Pro WH è un prodotto resistente, pensato per durare nel tempo. La facilità d’uso è accentuata poi dalla presenza di un cavo lungo 3 metri e, soprattutto, dalla sua capacità di roteare intorno alla macchina di ben 360°.

Ciò basta a non ingarbugliare il filo, a velocizzare le operazioni di hair styling e, soprattutto, a ricreare senza grossi problemi dei ciuffi ondulati o addirittura dei bei ricci definiti. La piastra per capelli qui in esame è sicuramente un prodotto professionale, un acquisto più che consigliato, a patto però di essere disposti a spendere una cifra discretamente alta.

In sintesi:

adatta a: chiunque

vantaggi: temperatura regolabile, ionizzatore incluso, funzione di spegnimento automatico, cavo lungo e roteante, possibilità di arricciare i capelli o di realizzare acconciature mosse

svantaggi: prezzo

6) L’Oréal Professionnel Paris SteamPod

L’Oréal Professionnel Paris SteamPod è una piastra che ha debuttato sul mercato nel 2020: da quel momento in poi non ha mancato di riscuotere consensi. Tanto successo si deve alla particolare tecnologia utilizzata dalla casa francese, una tecnologia che, avvalendosi del vapore ad alta pressione, riesce ad ottenere ottimi risultati su tutte le varianti del capello umano. Non solo: il ricorso a questo espediente fa sì che un trattamento lisciante venga percepito dalla chioma come meno stressante rispetto allo standard.

Questa macchina garantisce una piega perfetta per giorni e giorni ed inoltre liscia i capelli in una sola passata. Le chiome trattate con L’Oréal Professionnel Paris SteamPod sono solitamente lucide e brillanti, sane e piacevoli alla vista. Insomma: questa piastra per capelli torna utile soprattutto in presenza di capigliature difficili da domare oppure ancora danneggiate da trattamenti un po’ troppo aggressivi.

Per completezza di informazione però dobbiamo dire che il prodotto qui in esame presenta qualche difettuccio che la casa madre farebbe bene a correggere con una sorta di upgrade. Innanzitutto il cavo è lungo appena 2,4 metri, dimensione che in molti casi si rivela insufficiente per poter fare a meno di prolunghe et similia, rendendo un po’ meno immediato l’uso dell’articolo. In secondo luogo, cosa ancora più importante, la nostra piastra per capelli è decisamente pesante: i suoi 850 grammi sono eccessivi e stancherebbero molto il polso se non fosse per l’effettiva possibilità di ottenere buoni risultati in un’unica passata. E poi c’è il prezzo, non esattamente dei più popolari…

In sintesi:

adatta a: tutti, soprattutto a capelli difficili da trattare o danneggiati

vantaggi: lunga durata della piega, trattamento efficace e poco stressante per il capello, resa eccellente

svantaggi: cavo corto, peso eccessivo, prezzo

completo

Lascia un commento