Home » Capelli » Shampoo colorante: i prodotti top efficaci su uomo e donna

Shampoo colorante: i prodotti top efficaci su uomo e donna

Dire “shampoo colorante” significa utilizzare un sinonimo di “tinta per capelli”? Contrariamente a quello che credono in molti la risposta è in questo caso negativa. Se è vero che entrambi i prodotti servono a cambiar colore alla chioma o a coprire i primi indesiderati capelli bianchi, è altrettanto vero infatti che risultati e modus operandi, per così dire, sono diversi.

Lo shampoo colorante è infatti un prodotto pensato per agire sulla superficie del capello, la tintura invece penetra il pelo raggiungendone la parte più interna e nascosta. Il primo ritrovato, pur venendo incontro alle esigenze estetiche di chi lo utilizza, è sicuramente più delicato sulla chioma e si propone il fine ultimo di trattarla salvaguardandone il colore ed i riflessi naturali. La tinta invece è più aggressiva, ma dura sicuramente di più offrendo a chi la sceglie risultati decisamente migliori e maggiormente coprenti.

Ma allora perché mai qualcuno sente il bisogno di usare uno shampoo colorante piuttosto che una normale tintura? E soprattutto: quali sono i prodotti appartenenti alla categoria che offrono prestazioni migliori? Quali quelli contraddistinti da un INCI di livello? Scopriamo insieme la risposta a tutte queste domande.

Usare uno shampoo colorante: come procedere e quando preferirlo alla tinta

Lo shampoo colorante è un prodotto di bellezza di utilizzo immediato, poco costoso, ma capace di garantire a chi lo sceglie dei buoni risultati. La sua formulazione, lo accennavamo poco prima, è tendenzialmente molto più delicata rispetto a quella della tintura standard. Ciò perché questo prodotto non contiene ammoniaca né perossido di idrogeno, quanto meno non in grandi quantità e non sempre. Tra l’altro, è ormai chiaro, colora i capelli dall’esterno senza penetrarne ed intaccarne la struttura.

Questo significa che, lavaggio dopo lavaggio, il cosmetico lentamente scivolerà via dalla testa dando modo alla chioma di recuperare il suo colore naturale o abituale. Sul mercato esistono shampoo coloranti di svariate nuances, ma il consiglio è sempre quello di acquistare un prodotto che si avvicini il più possibile alla tinta della propria capigliatura: poco importa che si tratti di un colore naturale o artificiale.

Visto il costo esiguo nonché la facilità di applicazione ed eventuale rimozione del cosmetico, comprare uno shampoo colorante può significare avere per le mani, pardon per la testa, un espediente pratico ed economico per testare svariate tonalità cromatiche. Insomma: sapremo già a priori se chiedere al nostro parrucchiere di fiducia di tingere i capelli di un bel rosso Tiziano o castano cioccolato senza sottoporci ad esperimenti più duraturi e magari poco graditi.

Scegliere lo shampoo colorante: ecco qualche dritta

Prima di capire come fare a scegliere lo shampoo colorante che soddisfi le nostre esigenze, serve precisare qualcos’altro. Bene; cominciamo. Il prodotto qui in esame, per i motivi che abbiamo già spiegato altrove, non può essere confuso con una normale tintura. Tuttavia non può nemmeno essere scambiato con uno shampoo antigiallo. Il suo scopo ultimo infatti non è quello di spegnare i riflessi tendenti al biondo eventualmente presenti sulla chioma.

A differenza di un decolorante poi non agisce sul colore di base del capello. In più, cosa che non è possibile affermare per le tinte vere e proprie, il prodotto è utilizzabile senza creare miscele faidate. Insomma: si apre il flacone e si usa sulla chioma seguendo le istruzioni riportate sul bugiardino. Lo shampoo colorante, detto da alcuni shampoo riflessante, può in media resistere sulla testa per un lasso di tempo compreso tra i 6 ed i 10 lavaggi consecutivi.

Detto ciò, vediamo di capire come fare a scegliere il prodotto perfetto. Per ottenere buoni risultati bisognerà innanzitutto porre al vaglio l’INCI del cosmetico. Ovviamente si prediligeranno gli articoli contraddistinti da una formulazione efficace, ma il meno possibile nociva per il capello. Ciò significa escludere a priori, o provare ad evitare, i prodotti che contengono zolfo o solfato di magnesio, passando ancora per il solfuro di selenio e per tutte quelle molecole chimiche che appesantiscono eccessivamente l’INCI dei cosmetici.

Le diverse tipologie di shampoo colorante: le colorazioni ad acqua

Ma non basta soffermarsi sull’INCI del prodotto per scegliere lo shampoo colorante più adatto a noi. Si tratta senza dubbio dell’aspetto più importante della questione, ma non dell’unico elemento da porre al vaglio. Bisognerà considerare infatti che in commercio esistono diverse varianti sul tema per quanto riguarda questo articolo.

Una soluzione, per esempio, potrebbe essere quella di ricorrere alle colorazioni ad acqua. Anche in questo caso il cosmetico agirà soltanto sulla parte più esterna del capello esaltandone i riflessi. Questo tipo di shampoo ha un INCI tendenzialmente biologico, composto per il 90-95% di estratti vegetali, oli naturali, elementi ricavati dall’uso di erbe officinali e vitamine a cui poi si aggiungono delle polveri tintorie di provenienza più o meno bio. La colorazione ad acqua è l’opzione ideale se si desidera proteggere e tutelare la salute del capello, tuttavia è anche la meno duratura in assoluto.

Una soluzione più incisiva: le colorazioni semi-permanenti

Optare per una soluzione più incisiva significa scegliere invece una colorazione semi-permanente. Questo tipo di opzione ossida leggermente il capello e contiene nell’INCI una piccola dose di perossido di idrogeno e di pigmenti. In più nella confezione sarà presente un attivatore di colore. Sia chiaro: nessun ingrediente rintracciabile nella formulazione potrà comunque spingersi oltre gli strati superficiali del capello, ma il risultato ottenuto sarà senza dubbio più durevole rispetto a quello ricavato facendo ricorso ad una colorazione ad acqua. Il colore risulterà in fin dei conti posto in risalto, luminoso e di un bel tono squillante.

Coprire i capelli bianchi: lo shampoo colorante aiuta?

Beh, se si tratta di coprire i primi capelli bianchi e non una chioma completamente ingrigita lo shampoo colorante può essere d’aiuto. Stesso discorso vale per le ricrescite. Bisogna tener presente però, come dicevamo altrove, che non abbiamo a che fare con una tintura per capelli e quindi non possiamo sperare in coperture totali. Insomma: sì all’uso del nostro cosmetico nel caso in cui serva qualche piccolo ritocco o si voglia ravvivare un po’ la tinta prolungando tra l’altro la sua durata nel tempo, no invece alle aspettative decisamente fuori portata.

Quanto è aggressivo uno shampoo colorante?

Lo shampoo colorante è sicuramente meno aggressivo di una comunissima tintura per capelli. Ciò non significa che sia sempre delicato sulla chioma. Molto dipende infatti dalla sua formulazione. Se si opta per un prodotto a base di henné e magari privo di ammoniaca, si sceglie un cosmetico poco aggressivo sui capelli. Se invece si acquista uno shampoo colorante contenente nell’INCI perossido di idrogeno e/o solfati il discorso cambia.

A grandi linee, pur tenendo presente questo tipo di discriminante, possiamo comunque dire che un prodotto di livello non aggredisce più di tanto il fusto del capello o il cuoio capelluto. Certo, una pelle sensibile, intollerante o affetta da allergie da contatto potrebbe comunque mostrare sofferenza ad ogni impiego.

Da qui la necessità di sottoporsi ad un test prima di far uso dello shampoo. Allo scopo basterà applicare una piccolissima noce di prodotto sul gomito o su una porzione altrettanto piccola della testa. Se nell’arco di qualche minuto si dovesse avvertire un fastidioso prurito o comparisse un arrossamento sospetto, sarà bene sciacquare la parte e cambiare prodotto.

Shampoo colorante: ecco come si usa

Lo shampoo colorante potrebbe essere utilizzato come un comunissimo shampoo se non fosse per il fatto di dover prolungare spesso i tempi di posa del cosmetico, attenendosi ovviamente in tal senso alle indicazioni fornite dalla casa produttrice. Una volta armatisi di guanti e di un telo protettivo utile a non sporcare i vestiti, l’articolo verrà applicato sui capelli.

Questi, in relazione alla marca di shampoo acquistata, saranno asciutti o bagnati. Si procederà comunque muovendosi dalla radice alle punte. Quindi si massaggerà un po’ la cute e, lasciato passare il tempo di posa, si provvederà al risciacquo accurato. L’ideale, dopo essersi sottoposti al trattamento, sarebbe non lavare la testa per almeno un paio di giorni: servirà a garantire maggiore durata alla tinta.

Attenzione: certi prodotti necessitano per i lavaggi seguenti di shampoo e balsami ben precisi. Una curiosità: lo shampoo colorante è poco compatibile con il cloro e quindi con le piscine. Il prodotto perciò, se si ha l’abitudine di frequentare questo tipo di ambienti, potrebbe avere una resa inferiore alle aspettative. In più è bene sapere che il risultato finale è maggiormente evidente su capelli caratterizzati da un bel colore chiaro.

Lo shampoo colorante può essere naturale?

Esistono delle linee di prodotti eco-bio che fanno dell’henné o della lawsonia inermis i loro principi attivi naturali. Questi due ingredienti in genere non si accompagnano ad additivi chimici né tanto meno ad ammoniaca ed a sali minerali. L’INCI di tali prodotti è generalmente molto delicato e prevede la presenza di estratti vegetali (parecchio gettonati sono la camomilla, i semi di lino, l’avena e gli oli), di vitamine e di buone dosi di cheratina. Una chicca: in profumeria sarà possibile acquistare anche dei colori temporanei, capaci di resistere soltanto sino al primo lavaggio e magari venduti in formato spray o di, udite udite, gessetti.

Capelli tinti vs capelli decolorati

Un’ultima precisazione: lo shampoo colorante può essere utilizzato tanto sui capelli naturali quanto su quelli tinti o addirittura decolorati; basta comprare il prodotto giusto. Per essere sicuri del risultato, in ciascuno dei suddetti casi, sarà sempre bene provare il cosmetico su una ciocca piccola ed occultabile della chioma ed eventualmente procedere al trattamento. Detto ciò, ecco qualche utile consiglio per gli acquisti.

1) John Frieda Brilliant Brunette Shampoo Visibly Deeper

John Frieda Brilliant Brunette Shampoo Visibly Deeper è un prodotto adatto ai capelli scuri e, più precisamente, tendenti al castano. Poco importa che il colore originario sia quello del caffè o della nocciola, del cioccolato o delle castagne: la speciale formula multitono di questo cosmetico conferirà alla chioma “marrone” un aspetto sano ed esalterà i suoi riflessi naturali. A dirla tutta non importa nemmeno che i capelli trattati siano naturalmente castani o che siano stati colorati con apposite tinture: il risultato finale sarà sempre lo stesso.

Ma il prodotto qui in esame non serve soltanto ad esaltare il colore della capigliatura. Questo cosmetico infatti agisce idratando e nutrendo il capello nonché proteggendo il suo colore naturale. La magia si deve ad un sapiente mix di ingredienti bio e non di cui fanno parte anche delle micromolecole high-tech, particelle utili a rendere più duraturo nel tempo l’effetto del nostro shampoo colorante. Il prodotto qui in esame può garantire ottimi risultati, specialmente se utilizzato in combo con il balsamo ed il trattamento intensificatore appartenenti alla stessa linea cosmetica.

John Frieda Brilliant Brunette Shampoo Visibly Deeper va sempre applicato sui capelli ancora umidi, quindi massaggiato con cura e lasciato in posa per circa 3 minuti. Durante questo lasso di tempo produrrà una schiuma densa che eliminerà dal cuoio capelluto sporco, unto e tossine. Dopo l’applicazione si raccomanda di sciacquare con cura. Il trattamento lascerà i capelli morbidi e facili da domare. Buono è infine il rapporto qualità-prezzo vantato dal nostro shampoo colorante.

In sintesi:

adatto a: capelli scuri, in particolare alle chiome tendenti al castano

vantaggi: buon rapporto qualità-prezzo, tempi di posa rapidi, possibilità di migliorare il risultato ottenuto utilizzando balsamo ed intensificatore di colore della stessa linea, prodotto multifunzione, adattabilità a tutte le possibili gamme del castano

svantaggi: INCI migliorabile

2) Just for Men Control GX 2 in 1

Just for Men Control GX 2 in 1 è al contempo uno shampoo ed un balsamo colorante. Questo cosmetico lava a fondo i capelli ed elimina dalla chioma quella patina grigia che spesso la caratterizza e che le conferisce un aspetto smorto ed invecchiato. In più agisce sul volume e sullo spessore dei peli, sulla morbidezza e sulla pettinabilità della capigliatura.

Utilizzare l’articolo proposto è semplice: ci si comporterà quasi come se si stesse adoperando un normalissimo shampoo. Il prodotto andrà applicato infatti sui capelli umidi, massaggiato e lasciato in posa per un paio di minuti prima di procedere col risciacquo. Per ottenere buoni risultati sarà comunque necessario lavare la testa col nostro cosmetico una o due volte a settimana: l’effetto finale sarà molto gradevole e, soprattutto, naturale.

C’è da dire però che tale effetto non sarà quasi mai apprezzabile subito dopo il primo trattamento: la colorazione della chioma cambierà del resto in maniera decisamente graduale, utilizzo dopo utilizzo insomma. Una volta coperta la maggior parte dei capelli bianchi visibili e raggiunta la tinta desiderata, lo shampoo colorante andrà utilizzato in alternanza ad uno shampoo normale.

Just for Men Control GX 2 in 1 ha un odore persistente ed, a dire il vero, non universalmente apprezzato. Può macchiare la pelle e lavora bene sui capelli medio-lunghi mentre lascia un po’ a desiderare se utilizzato sulle chiome più corte. Il prodotto dà il meglio di sé poi se si ambisce semplicemente ad occultare i capelli bianchi. Buono infine è il rapporto qualità-prezzo da esso vantato.

In sintesi:

adatto a: uomini che vogliano coprire i capelli bianchi

vantaggi: facilità d’uso, prodotto multifunzione, tempi di posa rapidi, buon rapporto qualità-prezzo, effetto naturale

svantaggi: azione molto graduale, necessità di ripetere spesso il lavaggio, odore non sempre giudicato gradevole, tendenza a macchiare la pelle ed a funzionare meno sui capelli corti

3) L’Oréal Paris Colorista Washout Vivid Capelli Bruni

L’Oréal Paris Colorista Washout Vivid Capelli Bruni è uno shampoo colorante che ricorda da vicino una maschera per capelli, o al limite, un hair gloss. La sua durata sulla chioma è relativamente lunga e, tenendo conto del colore di partenza della capigliatura, oscilla dai 2 ai 15 lavaggi. I “washout” del resto sono dei prodotti a resa temporanea, da distinguere da altri articoli affini ideati dalla stessa casa cosmetica francese quali, ad esempio, gli spray, che resistono sino al primo lavaggio, ed i paint, veri e propri semipermanenti.

Lo shampoo qui in esame è disponibile in diverse colorazioni, anche abbastanza audaci. Per questo motivo l’azienda fornisce online e sulle confezioni dei suoi articoli parecchie indicazioni utili a scegliere il colore più adatto alle proprie esigenze nonché quello capace di offrire una resa migliore considerando la tinta di partenza della chioma. Il cosmetico qui recensito meglio si adatta ad una base bruna, ma esistono comunque dei prodotti appartenenti alla stessa linea pensati per agire su tutti i tipi di base.

L’Oréal Paris Colorista Washout Vivid Capelli Bruni nutre a fondo i capelli che, dopo ogni trattamento, risultano morbidi e setosi e possono vantare un aspetto decisamente naturale. La sua formulazione inoltre è priva di ammoniaca, ma ciò non significa che l’INCI sia del tutto bio. Buono è poi il rapporto qualità-prezzo vantato dall’articolo. Attenzione: il nostro shampoo tende un po’ a macchiare e richiede un lungo risciacquo nonché un tempo di posa, spesso oscillante tra i 2o ed i 30 minuti.

In sintesi:

adatto a: capelli bruni

vantaggi: assenza di ammoniaca nella formulazione, durata potenzialmente notevole, vasta gamma di tinte disponibili, effetto addolcente sui capelli, buon rapporto qualità-prezzo

svantaggi: tempi di posa abbastanza lunghi, INCI migliorabile, necessità di risciacquare a lungo dopo l’applicazione, tendenza a macchiare pelle ed oggetti

4) S.O.S. Color & Go Maschera Colorante Cioccolato

S.O.S. Color & Go Maschera Colorante Cioccolato è una maschera capace di colorare e ravvivare i capelli creando sulla propria testa anche degli effetti cromatici alquanto originali. Il prodotto ben si adatta all’uso sui capelli naturali, ma anche sulle chiome tinte artificialmente o contraddistinte da meches. La sua formulazione, udite udite, è del tutto priva della maggior parte delle sostanze dannose contemplate nelle ricette di parecchi competitors. No quindi ai parabeni ed agli ossidanti e no anche agli SLES ed all’ammoniaca. La ricetta in questione è quindi abbastanza leggera, sicuramente non aggressiva, ma comunque capace di rinvigorire il colore e di esaltare i riflessi.

Ottima è poi la profumazione di questo interessante prodotto. La nostra maschera inoltre può essere utilizzata anche per coprire i primi capelli bianchi. Apprezzabile è tra l’altro la semplicità d’uso del cosmetico: basta applicare qualche goccia sui capelli, poco importa che siano umidi, bagnati o asciutti, e lasciare in posa per una ventina di minuti. Quindi si procederà emulsionando ed attendendo ancora una decina di minuti prima di provvedere al risciacquo definitivo. L’applicazione sarà sempre facilitata dalla presenza di un apposito erogatore anti-spreco.

S.O.S. Color & Go Maschera Colorante Cioccolato, come molti altri cosmetici affini, ha purtroppo la tendenza a macchiare la pelle. In compenso però lascia sempre i capelli setosi e brillanti, naturali al punto giusto. Quello che non è naturale è semmai l’INCI del prodotto che, comunque, può dirsi qualitativo. Ottimo è infine il rapporto qualità-prezzo vantato dall’articolo.

In sintesi:

adatto a: capelli scuri, basi naturali o artificiali, capelli bianchi o con meches

vantaggi: INCI di buona qualità, formulazione delicata, prodotto multifunzione, facilità di applicazione, presenza di un erogatore anti-spreco, buona profumazione, ottimo rapporto qualità-prezzo

svantaggi: tendenza a macchiare la pelle, tempi di posa discretamente lunghi

5) Leganza Tintura Balsamo per Capelli Mogano Scuro

Leganza Tintura Balsamo per Capelli Mogano Scuro agisce sfruttando la tecnologia dei cosiddetti 7 oli coloranti a base organica. Si tratta quindi di un articolo capace di garantire a chi lo usa tutta la sicurezza che può derivare dalla scelta di ricorrere ai prodotti bio. I 7 oli di cui sopra sono molto conosciuti in ambito cosmetico perché capaci di assicurare al corpo, alla pelle ed ai capelli una vastissima gamma di benefici.

I più addentrati nel settore avranno indovinato con facilità e nel dettaglio di cosa parliamo. Per i profani puntualizziamo che i 7 oli utilizzati sono estratti dalla mandorla, dalle noci di macadamia, dall’avocado, dai semi di jojoba ed argania (argan), dal karité e dalle olive. Sono del tutto assenti dalla formulazione invece sia l’ammoniaca che il perossido di idrogeno, sia i parabeni che i PPD.

Leganza Tintura Balsamo per Capelli Mogano Scuro ben si presta a coprire i primi capelli bianchi e le ricrescite, a colorare l’intera capigliatura o a realizzare dei colpi di sole, a ravvivare una tintura o a colorare chiome particolarmente sensibili. Esso inoltre può essere utilizzato sia dagli uomini che dalle donne. Dopo ogni trattamento poi il colore risulterà saturo e brillante.

Attenzione però ai tempi di posa: possono essere davvero molto lunghi e raggiungere persino la soglia dei 120 minuti! Il risultato è comunque ottimo e quindi vale proprio la pena di avere un po’ di pazienza, peccato però che non tutti abbiano tanto tempo a disposizione. Interessante è infine il rapporto qualità-prezzo vantato dal prodotto.

In sintesi:

adatto a: capelli scuri, soggetti allergici, capelli delicati, uomini e donne

vantaggi: INCI perlopiù composto da prodotti naturali e comunque di alta qualità, versatilità, ottimo rapporto qualità-prezzo

svantaggi: tempi di posa potenzialmente molto lunghi

6) Herbal Time Colorante Henné

Concludiamo questa carrellata di consigli per gli acquisti con Herbal Time Colorante Henné. Si tratta di un prodotto del tutto naturale e, come tale, poco aggressivo sui capelli e sulla cute. Queste sue caratteristiche rendono lo shampoo colorante qui proposto adatto all’uso durante la gravidanza. Certo, una formulazione bio sacrifica qualcosa in termini di vastità della gamma cromatica disponibile (in questo caso ci fermiamo a poco meno di una dozzina di varianti) e di durata dell’effetto (6 lavaggi), ma il gioco vale sicuramente la candela.

La formulazione di questo cosmetico è priva di perossido di idrogeno e di ammoniaca, di parabeni e solfati, egregiamente rimpiazzati da oli naturali (argan su tutti), dalle proteine del riso e dagli estratti vegetali (in particolare ricavati dall’henné, dall’ortica, dalla curcuma ed infine dal rabarbaro). L’INCI proposto risulta quindi nutriente per il capello, delicato e discreto. Il finish che se ne ricava è decisamente apprezzabile: molto naturale e capace di esaltare al massimo la brillantezza del colore.

Herbal Time Colorante Henné si può usare per coprire i primi capelli bianchi o per vivacizzare la chioma. L’importante è procedere lavorando secondo i dettami del tono su tono e quindi tentando di rendere più scura la tinta in maniera molto graduale. Utile è anche non agire quando ormai la capigliatura si è eccessivamente ingrigita. I tempi di posa previsti per il prodotto oscillano mediamente dai 30 ai 45 minuti. Ottima è infine la profumazione del cosmetico e parecchio vantaggioso è poi il rapporto qualità-prezzo vantato dallo shampoo colorante in esame.

In sintesi:

adatto a: donne incinte, chiome e pelli delicate

vantaggi: INCI naturale e di altissima qualità, buon profumo, ottimo rapporto qualità-prezzo, finish molto naturale, azione nutritiva

svantaggi: tempi di posa discretamente lunghi, azione graduale, effetto limitato sulle chiome del tutto ingrigite, durata limitata a 6 lavaggi, numero ridotto di nuances disponibili

 

Lascia un commento